martedì 29 maggio 2007

la Betta torna ma...

E' davvero troppo tempo che non scrivo, sono stata e lo sono tuttora impegnatissima sul lavoro... è sempre così gli ultimi giorni prima della partenza, lasciare i compiti da fare e organizzare tutte le attività in modo che possano più o meno funzionare durante la mia lunga assenza, ben un mese e mezzo di lontananza :-)
A proposito, mi sono resa conto che il mio countdown è un po' ingannevole e così chiarisco: torno a casa venerdì mattina e domenica parto per Lione dove mi fermerò per più di tre settimane ( lavoro, non vacanza!) e poi il 27 giugno sarò finalmente a casina e ripartirò per la Sierra Leone il 9 luglio...
Quindi di riposare ancora non se parla, ma almeno potrò mangiare e andare al cinema e mille altre cose che qui, ahimè si possono solo sognare!
Ma in Europa non avrò tutte le mattine questa meravigliosa vista sul mare:


9 commenti:

ivan ha detto...

Provvederò urgentemente a far spostare il mare verso Milano (e anche verso Lione per un certo periodo) in modo che non ti manchi proprio nulla... ;-))
A domani!!
Scappo da Roma a breve...

Osso ha detto...

che tenerone questo ivanristi.com buon ritorno betta un bacione

betta ha detto...

grazie a tutti e due...
Roby ci deviamo in luglio, un bacio

Maurizio Melandri ha detto...

Ciao Betta, ho letto che tornerai in Sierra Leone un paese a me molto caro, infatti lì ho conosciuto mia moglie ben 20 anni fa, e lì ho lavorato per circa 2 anni dal 1986 al 1988.
Devo dire che la cordialità e la simpatia della gente mi è rimasta nel cuore.
Ho visto in TV il dramma della guerra è mi sono chiesto, anzi ci siamo chiesti con mia moglie che è praticamente cresciuta in Sierra Leone, come sarà ora la nostra Freetown e la gente sarà ancora così amichevole e cordiale ?
Ora sto leggendo un libro sulla guerra e devo dire che mi sento profondamente rattristato da tutto quello che è successo.
Visto che sarai lì a breve salutaci la nostra amata Sierra Leone.

Ciao e buon viaggio

betta ha detto...

Ciao Maurizio...
non ti so dire come era la gente prima della guerra, sicuramente i sierra leonesi sono un popolo molto amichevole, più di tutti quelli che ho conosciuto in Africa e la Sierrra Leone é davvero un bellissimo paese.
C'é tanto da fare per riparare i danni della guerra, ma con un po' di pazienza e buona volontà...
Speriamo bene per le elezioni che ci saranno a breve, ma i pronostici sono ottimistici, non dovrebbero esserci particolari disordini. Vi salutero' Freetown, contateci!

Maurizio Melandri ha detto...

da come ne parli sembra che malgrado tutto i sierra leonesi non siano cambiati, meno male....io sono stato anche in Uganda e lì la gente non era prorpio amichevole andavano in giro tutti armati e non avevano sempre il sorriso sul volto come invece ricordo in sierra leone. Ho pensato che dopo una guerra così tremenda anche lì fosse cambiato ed invece sembra di no.
Grazie mi hai dato una buona notizia spero di poter tornare a Freetown prima o poi!

Anonimo ha detto...

La mer est toujours la, les gentils sierra leonais aussi. Le soleil, lui, se fait plus rare... mais les matins leonais t'attendent impatiemment...

Anonimo ha detto...

Les levers de soleil sont aujourd hui un peu nuageux... Le travail a aussi ses nuages...
Mais ce matin, tu etais encore, toujours un joli papillon rose...

Courage Betta, tout reste rose!

betta ha detto...

grazie, di esserci e distarmi vicino!