giovedì 12 luglio 2007

Nostalgia canaglia


Uffi piove e sono già cominciate le prime beghe al lavoro. Insomma cerco di evitare di deprimermi e i miei pensieri tornano a casa, ai recenti giorni passati in Brianza.
Un anonimo chiede cosa ho fatto in questi giorni… beh a dire la verità non molto, i giorni erano pochi e sono volati come sempre tra mille piccole cose da fare. Gli obiettivi erano due riposare e cominciare a sistemare la mia casetta a Milano, quella che prima o poi diventerà il mio rifugio durante e/o dopo il mio continuo peregrinare per il mondo.
Alla fine non mi sono riposata, per niente! Ma credevo di arrivare qui stremata invece per ora mi sento in forma.
E la casa beh, ero talmente esaurita che ho provato ad avanzare nei preparativi, ma…
Giusto un esempio: sono partita per andare a dipingere la cameretta, avevo passato un ora (o più) con la mia pazientissima mammina a scegliere il colore (non volevo… ma mia sorella e l’uomino del colorificio hanno suggerito “rosa”)…sulla strada mi sono resa conto che stavo andando a Milano senza pittura e soprattutto senza chiavi di casa. Torno indietro con il pazientissimo Ivan a recuperare bidone di pittura rosa e chiavi, arriviamo a Milano e….. non ci sono rulli e pennelli!! Eppure ero sicurissima di averli lasciati li un anno fa quando avevo dipinto le altre stanze. Mi sono resa conto che ero esaurita e che non ce l’avrei mai fatta a fare tutto, i miei progetti erano un po’ ambiziosi.
E cosi anche per i mobili invece che obbligare gli uomini di famiglia a cercare una soluzione per infilarli tutti in macchina e poi farsi 5 piani di scale per portarli in casa (e ovviamente montarli), ho deciso di lasciare fare tutto a Ikea. Elena e la mamma si sono offerte di andare ad aprire la porta mentre non ci sono. Cosi quanto torno per le prossime vacanze (ottobre) sarò quasi a buon punto. Certo la camera resta da dipingere J
Nel frattempo ho finito di arredare lo spazio più utile e necessario, l’ingresso! Forse dovevo cominciare a mettere un letto e un frigo, ma l’ho detto non ci sto più con la testa.
Metto alcune foto di questa avventura e ringrazio tutte le persone super pazienti che mi hanno sopportata!



8 commenti:

ivan ha detto...

;-)))))

Betta ha detto...

Grazie! per il giorno del tuo compleanno che come regalo ti ho fatto una giornata con me a sistemare casa mia!:-)

ivan ha detto...

in compenso ho recuperato le forz con tutta la paella che mi sono mangiato e con la fantastica crema catalana!!! :-))

Rodrigo ha detto...

Oi, achei teu blog pelo google tá bem interessante gostei desse post. Quando der dá uma passada pelo meu blog, é sobre camisetas personalizadas, mostra passo a passo como criar uma camiseta personalizada bem maneira. Se você quiser linkar meu blog no seu eu ficaria agradecido, até mais e sucesso. (If you speak English can see the version in English of the Camiseta Personalizada. If he will be possible add my blog in your blogroll I thankful, bye friend).

betta ha detto...

bé almeno con la paella non mi sono addormentata nel piatto ;-)
Sono ancora mortificata!

Anonimo ha detto...

Come mai non parli delle tue altre esperienze nelmondo:Congo,Brasile,Messico...

betta ha detto...

beh perché ci vuole un pretesto per farlo o uno spunto. Non posso di certo raccontare la mia vita... magari se ci sarà l'occasione di riferirmi ad aneddoti lo faro'.

Betta ha detto...

Sono arrivati i mobili, ieri!
Sono troppo contenta e grazie papà per avere aperto la porta e per la mancia che hai lasciato, ovvio poi ti rido' i soldini ;-)