sabato 4 agosto 2012

Per non dimenticare

"La mattina del 4 agosto 2006,17 impiegati della missione ACF in Sri Lanka son ostati uccisi freddamente con un proiettile nel collo. La maggior parte di loro indossava una T-Shirt ACF pensando che lavorare per una organizzazione umanitaria li avrebbe protetti dalle pallottole e la guerra."...

Non ero in Sri Lanka e non li conoscevo personalmente, ma lavoravo già per ACF, in Liberia. Questa mattina ho sentito che non potevo mancare alla commemorazione perché siamo parte della stessa famiglia, non solo quella di ACF, ma quella dei cooperanti, degli umanitari... trovo sconvolgente, rivoltante, inammissibile, morire mentre si cerca di fare del bene in modo imparziale.
Sono fiera di fare questo lavoro e di vivere questa vita anche se conosco bene i rischi che si corrono. Sempre di più siamo presi di mira, siamo un bersaglio facile, strumentalizzati da logiche di potere, economiche, religiose,etc. 
I nostri ideali e obiettivi sono messi a dura prova e essere in prima linea domanda tanta forza d'animo e un immenso coraggio.

Oggi il  mio ricordo va a quelle 17 persone che cercavano di costruire un mondo migliore e che mai avrebbero immaginato di dover pagare per questa scelta.

Nessun commento: