lunedì 16 dicembre 2013

Natale a Parigi/1

Per  la prima volta in 3 anni che vivo qui, mi sono decisa a fare le decorazioni natalizie. Finalmente mi sento a “casa” e anche se solo per una settimana, volevo respirare la magia del Natale. In effetti tra i viaggi in Africa e il mio ritorno in Italia per le vacanze, non passerò molto tempo qui a Dicembre…
Tornando dal Tchad mi sono resa conto che ormai era tardi per ordinare su internet le decorazioni che volevo da tanto: sarebbero arrivate troppo tardi e alcune non erano più disponibili. Ho fatto un giro nei negozi e niente mi ha colpito, tutto troppo sberluscente e tutto molto caro! Allora ho dato sfogo alla mia fantasia e creatività, ho fatto le decorazioni con le mie manine: dei cuori in origami per l’albero e degli stencil ricalcati dal pc, per i disegni con la neve sui vetri.
Sono davvero contentissima del risultato! Ero partita pensando che sarebbero state delle decorazioni provvisorie, per supplire alla mia mancanza di organizzazione e anticipazione e invece mi dico che meglio di cosi’ non poteva essere… almeno per quest’anno!

E ora scappo a finire le compere… lunga lista, ma per fortuna è lunedì e i grandi magazzini saranno vuoti!




mercoledì 11 dicembre 2013

Nollywood

In questi anni mi é capitato più volte di vedere dei film nigeriani divertentissimi, con intrecci familiari, grandi storie d’amore e tradimenti. 

Mi hanno sempre fatto sorridere e onestamente non mi dispiacciono. Non sapevo pero’ che esistesse addirittura un canale dal nome “Nollywood” dove questi appasionanti storie di vita, sono trasmesse senza interruzione giorno e notte. 
Qui sulla base di Moussoro (in Tchad), ho passato dei pomeriggi e delle serate, inchiodata davanti a questo sconosciuto e intrigante canale. Ovviamente non proprio per scelta : mi sono adattata alle scelte dei « proprietari » di casa… 
 Strano questo modo di passare le serate quando si potrebbe chiaccherare a lume di candela sotto un magnifico cielo stellato… ai miei tempi non avevamo la televisione sulle piccole basi come questa , oggi chiaramente le condizioni di vita sono migliorate un po’ ovunque e si puo’ approffitare della tencologia anche in piccoli villaggi come questo. 
 Forse se stessi qui un anno per gestire un progetto, mi farebbe piacere avere la televisione… sicuramente. Ma la nostalgia di un altro modo di vivere la vita in comune in contesti umanitari, rimane forte… parlo da ormai « turista umanitaria », troppo facile dire tutto cio’ quando resto solo una decina di giorni senza internet, senza luce e acqua corrente, senza poter mangiare quello che voglio, etc. in effetti ogni volta che faccio una visita nei paesi che gestisco da lontano, rimango incantata per quello che riscopro di me, della mia capicità ad adattarmi ad ogni situazione, ma ritorno a casa ogni volta sempre più consapevole che oggi non potrei piu’ fare questa vita a lungo…. Sarà l’età :) 
A parte tutto cio’… se vi capita di trovare Nolliwood, fermatevi un attimo a godervi un po’ i drammoni africani, che niente hanno da inviadiare agli eccentrici film bolliwoodiani ! si cambia solo di continente.

mercoledì 4 dicembre 2013

Come sono belli il deserto e i cammelli


Che poi in realtà qui sono dei dromedari… ma mi serviva la rima e poi la mia conoscenza tutta particolare degli animali non é un segreto per nessuno :) (si dice che da piccola avevo un libro con modelli di animali speciali …)
In ogni caso, paese che vai, animali che trovi! Sono in Tchad, ultimo viaggetto dell’anno (per fortuna !)
Dopo la grandissima delusione in Burkina Faso di essere andata proprio nel periodo in cui gli elefanti sono in vacanza, qui ho potuto soddisfare ampiamente la mia passione per la fauna locale.
Mi sento sempre come una bambina che vede ogni cosa per la prima volta, davanti a queste meraviglie della natura! 
E come non rimanere incantati quando passando con la macchina per le strade sabbiose del deserto, spuntano da ogni angolo questi bellissimi dromedari dall’aria elegante, sontuosa e con un espressione talmente calma, serena in pace con tutto…ecco si potrei ispirarmi al dromedario :)
Ma ci sono anche degli animali con molto meno charme : guardate questa specie di avvoltoi dalla taglia umana, come sono brutti !!! fanno davvero paura…
E per finire, mandrie magnifiche che garantiscono piatti di carne prelibata ogni giorno !
Non é di sicuro stata la visita più bella dell’anno, ma il paesaggio spettacolare e l’affascinante e arricchente incontro con « l’ altro » hanno reso questo viaggio molto  interessante.
Ci sono dei momenti in cui mi dico che sono molto fortunata a poter vivere tutte queste esperienze !









domenica 1 dicembre 2013

Arrivare secondi = arrivare ultimi ?


L’importante é partecipare ? o vincere ?  e se non si arriva primi é come arrivare ultimi ?
Scopro qualcosa di me che conoscevo poco : la competizione.
Non credo di essere mai stata competitiva, sicuramente ho voluto essere riconosciuta brava, ma non più brava degli altri, brava il giusto per passare un esame o avere un posto di lavoro, etc. ma non per essere la migliore.
Forse é ancora cosi, ma quando il mese scorso ho partecipato a un covegno dove presentavo un poster scientifico ho decisamente sperato di vincere il primo premio.
Ho vinto il secondo e onestamente sono stra-felice, ma non é il primo… pazienza!
Quello che mi piace é che sono davvero felice per la persona che ha vinto, é davvero stupendo essere un gruppo ed essere solidali.  

Che straordinaria avventura sta iniziando! 
P.S. Ovviamente il mio primo poster non poteva che essere rosa :)

domenica 24 novembre 2013

Alla scoperta del Burkina Faso

Finalmente dopo 3 anni di richieste incessanti riesco a visitare uno dei paesi di cui sono responsabile.
Difficile per me fare suggestioni e raccomandazioni a distanza senza aver mai messo piede nel paese e senza avere un’idea della fattibilità o meno dei progetti che potrei proporre.
I miei colleghi hanno sempre parlato di questo paese come un paese in pieno sviluppo, bello e dall’accoglienza calorosa.
Sono partita con un’idea non precisa, ma che in ogni caso ad un primo sguardo ha deluso le aspettative.
Certo sono tutti molto simpatici ed accoglienti e dotati di un senso dell'umorismo fuori dal comune, ma quello che ho visto non mi sembra molto diverso da tanti altri posti della regione. Forse lo sviluppo non si vede nell’aspetto poco urbanizzato della capitale e dei picccoli centri provinciali, ma più nelle attitudini delle persone, nelle politche nazionali, nei prodotti facilmente accessibili rispetto ad altri paesi, etc.
Resta una bella esperienza, dove mi sonno rilassata all’ombra di grandi manghi e dove finalmente ho potuto iniziare qualche piccola attivtià, ma con la speranza di poter ben presto elargire a dei veri programmi psicosociali in diverse zone del paese.

Qualche immagine per raccontare questo luogo che mi ha trasmesso serenità e donato un po’ di carica positiva per continuare ad affrontare le sfide continue e logoranti del mondo umanitario.

Un buon "riz gras" accompagnato da un succo di "pain de singe"... in effetti ho avuto molti problemi di pancino
Sulla strada per PAMA


Bisogno di un po' di benzina? :) mi hanno sempre fatto sorridere queste "stazioni di servizio" locali

I meravigliosi bimbi e le loro mamme forti e coraggiose

giovedì 17 ottobre 2013

NY I ♥ you

Ho realizzato un sogno ed é stato bellissimo ! Le aspettative erano alte, ma non sono state per niente deluse, anzi, non avrei mai immaginato che sarei rimasta soggiogata da tanta bellezza e che potesse farmi questo effetto di meraviglioso stordimento.
Sono ancora molto emozionata per i 4 giorni passati a New York per festeggiare il mio 40esimo compleanno.
Non mi dilungo in considerazioni, consigli, proposte di itenerari, ognuno ha un suo modo  particolare di conoscere e vivere questa città, e questo é stato il mio:

Central Park e i suoi scoiattoli tristi il lunedi 


















Bere un Manhattan godendosi una vista spettacolare : l'Empire State Building in rosa... 
sarà in mio onore? 




















Immancabile, la vista spettacolare dall’ Emipire, di notte é ancora più magico... ma come faceva King Kong a tenersi in bilico con il vento che tira lassu'?



Strafogarmi con una mezza dozzina di donuts, alla Homer Simpson!



 L'incanto della grande arte e finalmente poter vedere da vicino, praticamente toccare "Les demoiseilles d'Avignon"


Farmi venire il torcicollo a forza di stare a testa per aria, a guardare l'immensità dei gratacieli






















Lo scatto foto al ponte di Brooklyn


e tanto altro ancora tra cose fatte e lunghe liste di quello che resta da fare per le prossime volte!!
Ma se devo dirla tutta... é stato proprio come vivere dentro un film:

il 10 mattina una colazione speciale: Colazione da Tiffany




per poi proseguire alla ricerca della casa di Holly Golightly 
(il personaggio interpretato da Audrey Hepburn nell'omonimo film)


D'obbligo la ricerca della casa di Carrie  Bradshaw (Sex and the city)!!! Anche se il nuovo proprietario non ama molto i fans sfegatati che si fermano a guardare e fare foto...



ho soffiato la candelina nel magico Serendipity (dal film Serendipity, appunto ...)


















Pranzo da Kat'z, un immenso panino al Pastrami, ma soprattutto il luogo della scena più esilarante di
 Harry ti presento Sally








meno conosciuto ma per me pieno di poesia, "La musica nel cuore" dove alcune delle scene più belle sono girate a Washington Square...

mancava solo di incontrare una star... e anche se non proprio una star americana, un incontro davvero inatteso, in una vietta di Greenwich Village. Solo questo incontro varrebbe un racconto!


... Arrivederci a presto NY!!

giovedì 19 settembre 2013

Fine di una stupenda avventura!

Martedì è finita una bellissima avventura: il Master di ricerca (sostanzialmente mi sono laureata di nuovo qui in Francia J).
E’ stata dura, soprattutto meglio ultimi mesi, ho dedicato ogni momento libero allo studio, ai libri, alle analisi dei dati, alla scrittura, ma devo dire che il viaggio è stato appassionante e il traguardo straordinario.
I complimenti ricevuti mi hanno riempito di gioia, ma quello che è stato veramente magico e commuovente è arrivare alla fine tutti insieme affiatati e uniti, noi del gruppo transculturale, storicamente considerati i migliori del corso universitario. I migliori non so’… si, siamo stati forti, ma soprattutto solidali! Che bella avventura che abbiamo vissuto!!
E finalmente un po’ di relax, il prossimo week end sarà il primo dopo tanti, in cui potrò veramente riposare…

Nuovi traguardi e sfide mi aspettano, sono solo all’inizio di questa appassionante strada che è la ricerca, ma per ora mi godo questo momento di felicità.

giovedì 30 maggio 2013

Vecchia ubriacona ?

Pianificato da tempo, finalmente sabato scorso ho cominciato il corso di “introduzione al vino”.
Diciamo che in poco piu di due ore non ho imparato molto, tutti sti profumi e aromi io non li sento proprio. E alla fine rimango su un livello piuttosto banalotto: “mi piace/non mi piace”.
Purtroppo, avendo prenotato in ritardo, l’unico orario disponibile era alle 10.00 del mattino.
Come poter fare la degustazione di ben 5 vini all’alba?
Deve essere stata la domanda di molti perché il “maestro” ha subito fatto una premessa dicendo che il mattino é il momento migliore perché in teoria siamo al pieno delle nostre forze (ecco...molto in teoria ).
In ogni caso, si é raccomando di non sputare il vino, certo... a meno che non si dovesse ripartire in macchina subito dopo il corso.
Bene io lo prendo alla lettera... ma panico: la ragazza/sommelier che versava il vino ha cominicato sempre da me, perché ero la prima del primo tavolo della sala. Sono obiettiva quando dico che il mio bicchiere era sempre il meno pieno!!!
Al primo bicchiere di bianco ho visto subito che era proprio pochino!
Ho cercato di centellinarlo, ma pur essendo le 10 del mattino ho fatto fatica a non finirlo. Quello che mi ha trattenuto é stato il fatto che tutti gli altri avevano lasciato il bicchiere mezzo pieno.
Solo il mio vicino se l’é scolato, ma lui é un maschio J per ben 10 minuti non ho pensato  ad altro che “come finire il mio bicchiere senza passare per una vecchia ubriacona?”
Ed ecco che nel pieno dell mie strategie mentali la sommelier ritira tutti i biccheiri dai tavoli.
Nooooooo! Tutto quel vino buttato via!
Per fortuna sono seguiti altri 4 vini e con quelli non mi sono fatta fregare J tranne l’ultimo che effetivamente era un po’ troppo.
Corso finito ale 12h30, arrivata a casa ho dormito tutto il pomeriggio J

venerdì 10 maggio 2013

Brunch al Ministry of Fruit Café



Un sabato di riposo a Monrovia, sveglia tardi e brunch con le colleghe. 
Ci consigliano un postino non troppo lontano dall’appartamento in cui abitiamo. 
Si chiama : Ministry of Fruit Café
E’ un posto troppo carino !!! Questa é la storia che é raccontata dietro il menù :

The good JuJu Story
La Good JuJu Company é iniziata nel 2011, quando Cristopher ha cominciato a spremere furtta fresca con un vecchio frullatore in un piccolo stanzino nella Warwein Communy a Monrovia. Ha cominciato a fare consegne in tutta la città con la sua bicicletta, trasportando i frullati in bottiglie di vetro.
Un anno dopo, grazie a devoti consumatori, investimenti fatti da piccoli imprenditori e piccolo donatori in tutto il mondo, Christopher a potuto aprire il Ministry of Fruit Café.

Per ordinare si sceglie mettendo delle croci su una lavagnetta e si compone il proprio panino. C’é l’accesso ad internet, una piccola biblioteca e qualche gioco di società. Per 8 $ un panino (il mio era al pollo, pomodoro cetrioli e formaggio) e una limonata fresca. Non male se lo stomaco é stanco di pepper soup e se il portafoglio non se la sente di svuotarsi al Mamba Point (Hotel strafigo che a suo tempo ho molto frequentato, ma era meno lussuoso…).
Piccolo incoveniente qualche problema : con l’elettricità, niente di grave certo, ma il pane non poteva essere tostato, i loro famosi smoothies, impossibile da farsi senza frullatore e niente caffé espresso… :) per il resto é un posto davvero tranquillo, originale e, come direbbero i francesi, molto « cosy » (vi lascio cercare cosa significa, non so renderlo con parole mie, forse « accogliete » ?).
Pioveva quando siamo arrivate... ho fatto anche una foto con il sole all'uscita, la mettero' quando la mia collega me la invia