domenica 24 novembre 2013

Alla scoperta del Burkina Faso

Finalmente dopo 3 anni di richieste incessanti riesco a visitare uno dei paesi di cui sono responsabile.
Difficile per me fare suggestioni e raccomandazioni a distanza senza aver mai messo piede nel paese e senza avere un’idea della fattibilità o meno dei progetti che potrei proporre.
I miei colleghi hanno sempre parlato di questo paese come un paese in pieno sviluppo, bello e dall’accoglienza calorosa.
Sono partita con un’idea non precisa, ma che in ogni caso ad un primo sguardo ha deluso le aspettative.
Certo sono tutti molto simpatici ed accoglienti e dotati di un senso dell'umorismo fuori dal comune, ma quello che ho visto non mi sembra molto diverso da tanti altri posti della regione. Forse lo sviluppo non si vede nell’aspetto poco urbanizzato della capitale e dei picccoli centri provinciali, ma più nelle attitudini delle persone, nelle politche nazionali, nei prodotti facilmente accessibili rispetto ad altri paesi, etc.
Resta una bella esperienza, dove mi sonno rilassata all’ombra di grandi manghi e dove finalmente ho potuto iniziare qualche piccola attivtià, ma con la speranza di poter ben presto elargire a dei veri programmi psicosociali in diverse zone del paese.

Qualche immagine per raccontare questo luogo che mi ha trasmesso serenità e donato un po’ di carica positiva per continuare ad affrontare le sfide continue e logoranti del mondo umanitario.

Un buon "riz gras" accompagnato da un succo di "pain de singe"... in effetti ho avuto molti problemi di pancino
Sulla strada per PAMA


Bisogno di un po' di benzina? :) mi hanno sempre fatto sorridere queste "stazioni di servizio" locali

I meravigliosi bimbi e le loro mamme forti e coraggiose

Nessun commento: